Inside Out: le emozioni non sono solo 5, tutte le curiosità del film Pixar

Video
Pazzi anche voi per Inside Out? Il film della Pixar premiato con l’Oscar nasconde tante curiosità che forse ancora non conoscete: sapete che inizialmente le emozioni da portare sullo schermo erano ben 27?
loading

Inside Out, curiosità sul film d’animazione campione di incassi

Trasmesso il 15 maggio su Italia 1, Inside Out continua a distanza di 4 anni dalla sua uscita a farci ridere, commuovere, arrabbiare e riflettere grazie alle emozioni che la piccola protagonista, Riley, vive e sperimenta ogni giorno da quando si trasferisce dal Midwest a San Francisco con la famiglia.

Il film della Pixar ha vinto nel 2016 l’Oscar come migliore pellicola di animazione e il Golden Globe per la stessa categoria, è stato diretto da Pete Docter, che ha già firmato altri film di successo come Up e Monsters & Co.

Prima di disegnare Gioia, Tristezza, Rabbia, Paura e Disgusto, gli sceneggiatori – che hanno consultato in fase di analisi, diversi psicologi e psicoterapeuti – avevano stilato una lista di ben 27 emozioni, poi scese a 6 (avrebbe dovuto figurare anche Sorpresa) e infine sceso a 5 per questioni di semplicità.

LEGGI ANCHE: >> Bianca Guaccero e quella paura che l’attanagliava: come l’ha superata

Inside Out, la grande lezione di vita per giovani e adulti

Ogni emozione è ben caratterizzata da una forma particolare: Gioia ha le sembianze di una stella, Tristezza ricorda una lacrima, Rabbia è un mattone che divampa in una fiammella, Paura assomiglia a un nervo e Disgusto a un broccolo. Se ci avete fatto caso, anche se Gioia è gialla, talvolta è circondata da un’aura blu, che rivela il suo legame con Tristezza, sebbene inizialmente Gioia avrebbe dovuto intraprendere un viaggio nella memoria di Riley insieme a Rabbia.

L’indirizzo di casa di Riley a San Francisco è 21 Royal St., nome di un ristorante di Disneyland; in una delle scene si intravede anche Nemo; tutte le volte che una emozione tocca la consolle a comandi, questa assume il colore dell’emozione che la usa; esistono poi due versioni di Inside Out a seconda dei paesi in cui il film è stato distribuito: in alcuni, infatti, il padre di Riley sogna il calcio, in altri invece l’hockey.

Il grande insegnamento di Inside Out è che non c’è Gioia senza Tristezza e che l’evento traumatico – per la protagonista è il trasloco repentino, l’accettazione di un nuovo presente – simboleggia il cambiamento che non va allontanato o ripudiato: implica una profonda revisione di se stessi, una presa di coscienza e di responsabilità con cui bisogna venire a patti per proseguire il percorso di ognuno.

Eleonora D\

Eleonora D'Urbano

Esperta di televisione, cinema e serie Tv amo scrivere per il mondo femminile

Loading...

Può interessarti anche