Paolo Del Debbio irriconoscibile: come ha perso 27 kg, la dieta

Da alcuni mesi il conduttore di "Dritto e rovescio" sfoggia una forma fisica invidiabile. Ecco come ci è riuscito
- - Ultimo aggiornamento
loading

Paolo Del Debbio è irriconoscibile: da qualche mese il giornalista di Rete 4 appare in tv con un’immagine ben diversa rispetto al passato. Un cambiamento alquanto repentino che, inizialmente, aveva fatto anche pensare che il conduttore di “Dritto e rovescio” fosse malato. E invece era tutta salute. Già, perché Del Debbio si è messo a dieta e ha perso la bellezza di 27 chili.

Leggi anche: >> VUOI PERDERE PESO SENZA STARE A DIETA? IL TRUCCO CON LE VERDURE CHE (FORSE) ANCORA NON CONOSCI

La nuova forma fisica di Paolo Del Debbio

Paolo Del Debbio non si è affidato alle diete fai da te. Anzi, ha chiesto l’aiuto di uno specialista: “Ho mangiato meno, mi sono affidato a un medico e ho perso 27 chili. Ho un’età in cui lo stile di vita non andava più bene per la salute e mi sono piano piano sistemato. Tutto qui” sono state le sue parole al “Corriere della Sera”.

I benefici si sentono: il giornalista ha dichiarato di sentirsi meno affaticato, di camminare più leggero e anche il cervello ne ha tratto vantaggio. L‘inizio non è stato dei più semplici: “Può subentrare lo scoraggiamento: il primo mese e mezzo è stato una tortura coreana. Perché devi cambiare la testa. Hai fame, ma il problema non è il cibo, quanto evitare di ritenere il cibo una via di fuga, una copertina di Linus […]”.

La dieta di Paolo Del Debbio

Poi però sono arrivati i primi risultati. D’altronde Paolo Del Debbio ha cambiato le proprie abitudini: se prima stava fermo in poltrona a leggere e mangiava con gusto, ora si muove molto e mangia poco. Ma nel dettaglio qual è la dieta che ha seguito il volto di Rete 4? Niente di drastico, come ammette lui stesso. Si tratta di un regime alimentare di buon senso, e non di qualcosa di miracoloso: “[…] Ho tolto le cose che fanno ingrassare e sono andato di verdure, carne, pesce. Con la dieta non esiste il miracolo, esiste solo un clic nel cervello e l’umana voluntas”.

Foto: Kikapress

Loading...