Dominio Pubblico: fino al 31 gennaio last call per 100 artisti under25

È iniziato il countdown per la chiusura del bando che permette di partecipare al festival multidisciplinare sulla creatività U25, Dominio Pubblico. La rassegna romana, insieme alla […]
- - Ultimo aggiornamento
loading

È iniziato il countdown per la chiusura del bando che permette di partecipare al festival multidisciplinare sulla creatività U25, Dominio Pubblico.

La rassegna romana, insieme alla sua generazione #nopresent, chiama a raccolta 100 artisti per oltre 50 eventi che andranno in scena nell’estate del 2022 negli spazi del Teatro India e dello Spazio Rossellini di Roma per la 9° edizione della vetrina italiana delle nuove proposte under25.

Dominio Pubblico, le sezioni del bando: scade il 31 gennaio

La presente edizione di Dominio Pubblico sarà un invito, rivolto a un’intera comunità artistica composta dalla cosiddetta Generazione Zeta, a misurarsi con un tempo che non dà risposte né certezze.

Sette le sezioni previste: Teatro / Performance; Performance Urbane /Site Specific / Circo; Danza; Musica dal vivo; Arti Visive; Cinema; Arti Digitali. 

Foto: Dominio Pubblico via HF4

Il progetto è sostenuto dal Ministero della Cultura, la Regione Lazio, il Comune di Roma – Roma Culture e il Municipio VIII e si rivolge a ragazzi che vogliano sperimentarsi in un percorso da spettatori attivi finalizzato alla produzione, promozione e organizzazione del festival.

Ogni anno prendono parte alle attività oltre 250 giovani tra i 16 e i 25 anni, fruendo di varie offerte formative. 30 di loro compongono la nuova direzione artistica partecipata che avrà il compito di scegliere gli artisti del festival. Sotto la direzione di Tiziano Panici, oggi, Dominio Pubblico può contare su una comunità di oltre 800 ragazzi – artisti che danno nuova linfa al progetto.

Leggi anche: >> DOMINIO PUBBLICO VINCE IL PREMIO ANIMA 2021

Dominio Pubblico
Foto: Dominio Pubblico via HF4

Chi volesse prendere parte al progetto, ha tempo fino al 31 gennaio alle 23.59 per mostrare le proprie opere nelle diverse categorie artistiche.

Foto: Dominio Pubblico via HF4