Le patatine fritte fanno male alla salute? L’allarme: i gravi rischi che corriamo

Foto
Siete amanti delle patatine fritte? L'American Chemical Society lancia l'allarme: attenzione al metodo di preparazione può essere nocivo.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Sono senza ombra di dubbio uno dei piatti più amati da grandi e piccini: ma le patatine fritte fanno male alla salute. Non solo per l’elevato apporto calorico, ma anche perché potenzialmente cancerogene. L’allarme arriva da uno studio condotto dalla American Chemical Society. Vediamo meglio di cosa si tratta e quali patatine fritte sono sotto accusa.

Le patatine fritte fanno male alla salute? L’allarme: i gravi rischi che corriamo

Leggi anche: >> NON RESISTI A POLLO E PATATINE? ATTENZIONE, ECCO COSA SUCCEDE AI TUOI CAPELLI

A finire sotto i riflettori non sono tanto quelle che prepariamo nella nostra cucina, ma quelle che mangiamo fuori o che compriamo confezionate al supermercato: nella maggior parte dei casi sono pre- fritte prima di essere imbustate e questo le rende nocive per la nostra salute. La pre-cottura sprigiona sostanze tossiche dannose per il nostro organismo come l’acrilamide, una sostanza che si forma nei carboidrati ad alte temperature e che potenzialmente può essere cancerogena.

L’allarme lanciato dalla American Chemical Society, mette dunque in guardia soprattutto dal metodo di preparazione delle patate fritte, la cui doppia cottura porta alla creazione appunto di sostanze chimiche potenzialmente cancerogene. Le patate in questione, vengono prima tagliate a fette poi essiccate ed infine fritte con un processo che le cuoce solo in maniera parziale lasciandole crude all’interno e croccanti all’esterno.

Questo processo di cottura è simile anche in altri prodotti fritti pre cotti e per questo i medici sconsigliano di mangiare fritti precotti in generale.

Leggi anche: >> DIETA DOPO CAPODANNO, PROVA QUELLA AL VAPORE: PERDI PESO IN POCO TEMPO

Se proprio non riuscite a resistere e volete concedervi un vizio ogni tanto ma non le volete preparare voi, leggete bene l’etichetta. Per limitare i danni, prediligete quelle cotte in olio idrogenato ed evitate quelle cotte con olii animali o con grassi come il lardo. Inoltre secondo alcuni ricercatori di Harvard, non dovremmo mangiare più di 6. Una porzione di patatine fritte ha le stesse calorie di 2-3 lattine di una bibita gassata

Dunque no alle patatine fritte precotte ma si a quelle fatte in casa. Ecco allora alcuni semplice consigli per concedervi un vizio senza fare troppo male alla vostra salute. Scegliete patate a pasta gialla che contengono meno amido. Dopo averle tagliate, lasciatele in ammollo in acqua fredda per 30 minuti sostituendo l’acqua almeno due volte. in questo modo leverete l’amido in eccesso. Come olio, usate quello che ha il ‘punto di fumo’ più alto. Questo eviterà che si sviluppino sostanze chimiche come l’acroleina citata all’inizio. Olio d’oliva è tra i più adatti: sia per la qualità di acidi grassi, sia perché è tra i più stabili, resistente alle alte temperature e con un lento processo di ossidazione.

Crediti foto@Kikapress

Guarda la photogallery
Le patatine fritte sono dannose per la nostra salute
Le sostanze tossiche contenute nelle patatine fritte pre cotte
Patatine Fritte cancerogene, l'allarme della American Chemical Society
No alle patatine fritte pre cotte, sì a quelle fatte in casa