Che tipo di pancia hai? Da stress, post-parto o a rotoli? Tutti i modi per ridurla

I corpi non sono tutti uguali, di conseguenza nemmeno la pancia. Ecco le principali casistiche e i rimedi per cercare di ridurla
- - Ultimo aggiornamento
loading

Che tipo di pancia hai? Già, perché ogni corpo è diverso dall’altro, e anche la zona della pancia non è identica da individuo a individuo. Quel che ci accomuna tutti, però, è la volontà di ridurla al minimo, specialmente in un periodo come questo in cui ci troviamo a indossare abiti leggeri o dobbiamo sfoggiare un costume al mare. Per questo motivo passiamo in rassegna alcune casistiche cercando di dare consigli utili su come migliorare la propria forma fisica.

Leggi anche : >> PANCIA PIATTA SUBITO: BASTANO 11 MINUTI CON QUESTI ESERCIZI MIRATI

Pancia da stress, come combatterla

La pancia può essere stressata. Ne soffrono soprattutto coloro che hanno un forte senso di responsabilità e i perfezionisti. Consiste in un rigonfiamento che va dal diaframma all’area dell’ombelico. Generalmente chi ha un addome come questo soffre anche di sindrome dell’intestino irritabile. Come correre ai ripari? Innanzitutto sarebbe buona cosa migliorare il sonno ed evitare l’insonnia, ma anche combattere lo stress con tecniche di rilassamento, bagni caldi, yoga. Evitare poi caffeina e prediligere cibi ricchi di magnesio come verdure a foglia verde, noci e semi.

Pancia a rotoli, i rimedi

Passiamo poi alla pancia a rotoli, comune a chi conduce uno stile di vita sedentario. Come scrive Greenme.it in genere queste persone fanno poca attività fisica, consumano cibi zuccherati e molte farine. Bisognerebbe quindi ridurre il consumo di tali alimenti e dell’alcol, e aumentare quello di frutta, verdura, pesce, cereali. Indispensabile anche fare attività fisica, come una buona sessione di esercizi cardiovascolari e squat, falcate e addominali.

Hai appena partorito? Ecco cosa devi fare

Infine la pancia da post parto. Si tratta di un tipo di ventre caratteristico delle donne che hanno appena partorito. Servono come minimo sei settimane per recuperare le dimensioni normali, quindi è inutile angosciarsi subito. Per aiutare il corpo a tornare alla conformazione di partenza è utile consumare integratori di pesce o acidi grassi omega 3: noci, avocado, olive e semi di chia. Una buona soluzione può essere anche esercitare il pavimento pelvico per appiattire l’addome dall’interno.

Foto: Shutterstock