Arsenico nel riso, non basta l’acqua: come eliminarlo del tutto

Foto
L'arsenico è una sostanza potenzialmente tossica per il nostro organismo se consumata in quantità eccessive. Ecco come eliminarlo dal riso
- - Ultimo aggiornamento
loading

Arsenico nel riso? Potrà sembrare strano ma è proprio così. Questa sostanza tossica protagonista di molti film gialli in stile Agatha Christie è in realtà presente in natura (percentuali se ne trovano nell’acqua e nel sotto suolo) e di conseguenza in diversi alimenti tra cui il riso.

Leggi anche : >> SEI PROPRIO SICURO CHE IL RISO IN BIANCO SIA DIETETICO? ECCO QUANTE CALORIE HA DAVVERO

Questo cereale, che è in assoluto quello più consumato a livello mondiale, viene coltivato in terreni allagati e di conseguenza la sua esposizione all’arsenico inorganico è alta. Ma come fare dunque per consumarlo in modo sicuro?

La soluzione più frequente è quella di lavarlo e cuocerlo in abbondante acqua; tuttavia secondo gli esperti questo non sarebbe sufficiente. Per eliminare un’alta percentuale di arsenico dal riso bisogna non sciacquarlo semplicemente ma lasciarlo in ammollo per una notte e poi procedere con la scolatura e un risciacquo sotto acqua corrente. Questi passaggi consentono di eliminare almeno l’80% di arsenico presente nel riso.

Gli esperti consigliano poi di cuocere il riso in abbondante acqua rispettando il rapporto di uno a sei: ovvero per ogni parte di riso, 6 parti di acqua. In questo modo durante la cottura l’alimento non assorbirà tutta l’acqua. Questo permette di eliminare quasi il 60% di arsenico.

Crediti foto@Shutterstock

Nota: il presente articolo è il frutto di una ricerca e di una elaborazione di notizie presenti sul web. Con la presente l’autore, la redazione e l’editore declinano ogni responsabilità  e invitano i lettori ad eseguire un’attenta verifica e a rivolgersi sempre ad un medico specialista

Guarda la photogallery
Arsenico e riso
come fare dunque per consumarlo in modo sicuro?
Lavarlo e bollirlo non basta
così si elimina completamente