L’errore nel trailer Netflix che mostra Harry spaventato: lui, però, in quel momento non era con Meghan ma con la sua ex. Ecco la gaffe

I trailer della docuserie contengono immagini che non appartengono a Harry e Meghan
- - Ultimo aggiornamento
loading

I due trailer diffusi da Netflix per annunciare l’arrivo della docuserie sul Principe Harry e Meghan stanno facendo discutere: gli utenti più attenti e appassionati hanno analizzato i filmati trasmessi da cima a fondo e scoperto che nel montaggio sono stati usati video di repertorio in qualche modo artefatti.

Nel primissimo trailer pubblicato, si vede una foto di Harry che si protegge dai flash delle macchine fotografiche dei paparazzi, ma quella foto è stata ritagliata per omettere un particolare importante, risale al 2007: Harry aveva solo 22 anni, si trovava all’aeroporto di Heathrow e al suo fianco c’era l’ex fidanzata Chelsy Davy, non Meghan Markle.

Harry e Chelsy sono stati fidanzati dal 2004 al 2011 circa e per molto tempo si pensava che sarebbe stata proprio lei a sposare il Principe ed entrare così nella Famiglia Reale Inglese. Le cose sono andate diversamente e i due sono rimasti amici, tanto che Chelsy era presente come invitata al matrimonio di Harry con Meghan, celebrato nel 2018.

I raffazzonamenti nei video però non finiscono qui. Nel secondo trailer della docuserie sarebbero stati usati altre immagini non pertinenti: un video dei paparazzi si riferisce alla cantante, modella e scrittrice Katie Price mentre raggiunge il tribunale per una sentenza, inseguita da giornalisti e fotografi. In un altro, invece, il soggetto era l’avvocato dell’ex presidente Donald Trump, Michael Cohen, che lasciava il suo appartamento per essere scortato in prigione.

I pezzi di video usati nel montaggio, sapientemente tagliati per essere camuffati, danno l’idea dell’inseguimento dei paparazzi che avrebbe complicato la vita di Harry e Meghan, ma in realtà non riguardano loro.

Foto: Kikapress