Errore clamoroso sul sito web della royal family: ecco quella gaffe sul profilo del principe Harry corretta solo dopo anni.

loading

La pagina web ufficiale della famiglia reale ha visto la presenza di un imbarazzante errore riguardante il principe Harry. La gaffe, a quanto pare, è stata presente in rete per diversi anni, soprattutto dopo il caos provocato dalla Megxit. I gestori del sito sono corsi al riparo lo scorso week-end, correggendo il profilo del secondogenito di Re Carlo e di Lady Diana. Ma a fare rumore è il buco, non la pezza.

LEGGI ANCHE:– Harry, l’episodio intimo imbarazzante con la crema della defunta mamma: cosa ha raccontato senza peli sulla lingua

Errore sul sito della famiglia reale: la gaffe sul principe Harry

Andiamo con ordine e partiamo dal principio: dopo più di tre anni dalla Megxit, è stato rilevato un erroraccio sul sito internet della famiglia reale britannica.

Solo ora, infatti, la pagina del profilo del Duca di Sussex è stata modificata in modo da riflettere gli effetti della Megxit del 2020.

Il sito, infatti, riportava ancora la dicitura 𝐇𝐑𝐇 per riferirsi ad Harry e Meghan, che corrisponde a “Sua altezza reale“. Gli accordi delle “dimissioni” dalla royal family, però, hanno comportato la perdita di questo titolo. Pertanto, come sarebbe dovuto essere già da qualche anno, ora la questione è stata risolta e, lo scorso fine settimana, il titolo è scomparso.

Harry e Meghan relegati in fondo sulle pagine web dei royals

Inoltre, si è provveduto a spostare Harry più in basso rispetto alle altezze reali, praticamente in fondo alla pagina. Giusto accanto ad un altro “reietto” come il Duca di York, il principe Andrea, “cacciato” da Buckingham Palace in seguito alle accuse di aver commesso reati sessuali.

L’aggiornamento che ha portato alla correzione è arrivato in seguito alla morte della Regina Elisabetta II dello scorso settembre e alla successiva salita al trono di Re Carlo III, che ha portato con sé la necessità di rivedere e aggiornare migliaia di profili e pagine del sito.

Photo Credits: Shutterstock