Camminare lentamente aumenta il rischio di Covid? Lo studio che preoccupa

Foto
Una ricerca inglese mette in guardia: camminare lentamente aumenta la possibilità di contrarre un'infezione da Coronavirus
- - Ultimo aggiornamento
loading

Camminare fa bene se lo si fa con un passo sostenuto. Aiuta non solo a dimagrire ma anche a fortificare il nostro organismo. Ora uno studio inglese rivela che chi cammina lentamente rischia di essere più esposto al Covid.

Camminare lentamente aumenta il rischio di Covid? Lo studio che preoccupa

Leggi anche: >> CAMMINARE TUTTI I GIORNI FA DAVVERO BENE? L’ ‘EFFETTO COLLATERALE’ CHE IN POCHI CONOSCONO

Secondo quanto riportato dallo studio condotto dal National Institute for Health Research (NIHR) Leicester Biomedical Research Center e pubblicato sull’International Journal of Obesity, (qui il link) le persone che camminano con una velocità al di sotto dei 5 Km/h sarebbero maggiormente esposte non solo a contrarre un infezione grave da Coronavirus, ma anche ad una maggiore possibilità di morire a causa del Covid.

“Sappiamo già che l’obesità e la fragilità sono fattori di rischio chiave per i risultati di Covid-19 – ha dichiarato Tom Yates tra i principali ricercatori dello studio – È stato dimostrato che i camminatori veloci hanno generalmente una buona salute cardiovascolare e cardiaca, rendendoli più resistenti ai fattori di stress esterni, comprese le infezioni virali, ma questa ipotesi non è stata ancora stabilita per le malattie infettive”.

La ricerca ha analizzato 312.596 pazienti intorno alla mezza età della biobanca inglese, mettendo in relazione l’indice di massa corporea e la velocità di camminata con il rischio di contrarre una forma grave di Covid e la possibilità di morire a causa del virus.

Coloro che erano normo peso e con un ritmo di camminata lenta (meno di 5 km/h) avevano 2,5 volte in più la possibilità di contrarre il Coronavirus e 3,75 volte in più quella di morire.

Crediti foto@Shutterstock

Guarda la photogallery
Camminare fa bene, ma non se lo fate lentamente
Il rischio che è emerso
L'analisi condotta su 312.596 pazienti
Loading...